Official Web Site Assothot - Associazione di Servizi Integrati - Amministrazione e Gestione Condominiale - Certificazine energetica immobili - Formazione Continua - Servizi di Pulizie - Servizi Finanziari - Servizi per il Tempo Libero
 
PDF Stampa E-mail

 

 

Cassazione: in condominio scadenza «elastica» per denunciare il vizio nei lavori di ristrutturazione

 

 

 

 

 

 

di Patrizia Maciocchi

9 dicembre 2013

(Il Sole 24Ore)

 

 

 

 

 

 

 

 

Il condominio può superare l'anno di tempo per chiedere i danni alla ditta che ha eseguito male i lavori di ristrutturazione se, pur avendo avuto sentore del difetto, vuole aspettare che sia un perito a definirne la portata. In tal caso lo sforamento dei 12 mesi non fa decadere il diritto alla refusione dei danni. La Corte di Cassazione, con la sentenza 27433 depositata il 9 dicembre, respinge il ricorso di una società edile contro la condanna a pagare circa 25 mila euro per aver usato dei materiali scadenti che avevano determinato il distacco dell'intonaco della facciata esterna di un edificio.

Secondo la società l'amministratore aveva aspettato troppo prima di denunciare il difetto e fare le relative rivendicazioni superando la dead line dei 12, mesi stabilita dall'articolo 1669 del codice civile a pena di decadenza dell'azione di garanzia. La ditta, in realtà, remandosi un po' contro, afferma, infatti che la "bega" era visibile ad occhio nudo e poteva essere verificata con "immediata e agevole percezione" senza ricorrere a un esperto. La Cassazione coglie così l'opportunità per chiarire tempi e modi per eccepire i difetti nei lavori non svolti a regola d'arte, evitando la prescrizione. Il termine di un anno per l'azione di responsabilità fissato dal codice civile – spiega la Suprema corte – decorre dal giorno in cui "il committente consegua un apprezzabile grado di conoscenza oggettiva della gravità dei difetti e della loro derivazione causale dall'imperfetta esecuzione dell'opera, non essendo sufficienti, viceversa, manifestazioni di scarsa rilevanza e semplici sospetti". Solo il consulente tecnico ha potuto, infatti verificare, che il distacco dell'intonaco non era un inconveninete superficale, ma la spia di un grave difetto che pregiudicava la funzionalità e il godimento dell'immobile non isolato e impermeabilizzato adeguatamente.